Messaggero Veneto: G.S.A. aumenta ricavi e addetti. Nuove sedi a Milano e Cagliari
Aprile 12, 2018
by Super User

Il Sole24ore: Il private equity Armonia nella prevenzione incendi
Gennaio 12, 2018
by Super User

Milano Finanza: Armonia sgr entra nella prevenzione incendi con Gsa
Gennaio 12, 2018
by Super User

Messaggero Veneto: Pedone cede il controllo della G.S.A.
Gennaio 12, 2018
by Super User

MF: GSA spinge sui ricavi e punta ai 70 mln
Maggio 17, 2017
by Super User

 

 

MESSAGGERO VENETO: Fatturato GSA a quota 61 milioni
Maggio 16, 2017
by Super User

 

UDINE TODAY: Fatturato da record per la Gsa di Pedone, 61 milioni di euro
Maggio 16, 2017
by Super User

 

Fonte: UdineToday

 

G.S.A. Sponsor Platinum al convegno “La sicurezza nelle gallerie stradali”
Febbraio 16, 2017
by Super User

Con grande orgoglio GSA è oggi presente come Sponsor Platinum al convegno tecnico “La sicurezza nelle gallerie stradali – Le misure gestionali nella direttiva europea” tenuto all’Auditorium ANCE di Roma realizzato dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma in collaborazione con PIARC/AIPCR Italia (Italia World Road Association) e Fondazione FASTIGI.

Con riferimento all’attuazione della Direttiva 2004/54/CE, che prevede l’adeguamento delle gallerie della rete stradale Trans-Europea ai nuovi standard di sicurezza, molti paesi europei hanno evidenziato una difficoltà a conseguire il completamento degli interventi di adeguamento entro la scadenza del 30 aprile 2019. La Commissione Europea nel 2013, su espressa richiesta del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Autorità Amministrativa Nazionale italiane, ha concesso una “deroga temporanea” alla realizzazione di “misure strutturali”. Tale deroga è applicabile laddove sussistano motivate problematiche di ordine economico, trasportistico, sociale ed ambientale, chiedendo tuttavia di adottare soluzioni alternative a tali misure, da implementare a partire dal 30 aprile 2019; ciò dopo aver realizzato gli interventi specificati ai paragrafi 1.2.1 e 1.2.2 dell’Annex 1 della Direttiva e in attesa che vengano completate le “misure strutturali” stesse, compresi impianti elettrici e ventilazione che hanno impatto sulle strutture. Tali soluzioni alternative si traducono nel ricorso a misure operative (operational measures) o gestionali, ovvero misure compensative che garantiscano livelli di sicurezza equivalenti o superiori a quanto richiesto dalla normativa europea.

 

MESSAGGERO VENETO: Euro&Promos e GSA oltre 8 mila addetti
Gennaio 26, 2017
by Super User

 

Milano Finanza: GSA punta a 60 milioni di ricavi. E al Mta nel 2017
Novembre 14, 2016
by Super User

Corriere Economia: Gsa squadra anti-incendi, la Pmi di Udine da 10 anni nel Monte Bianco
Settembre 22, 2016
by Super User

 

Nel 2006, ha vinto l’appalto per subentrare ai vigili del fuoco e da allora nessuno l’ha battuta. Merito (anche) delle prove fisiche degli addetti. La «partenza» in 120 secondi.

Il tempo massimo consentito dalla Geie-Tmb, la società che gestisce il Traforo del Monte Bianco, per l’operatività della squadra antincendio è di 4 minuti. Ma gli uomini (e la donna) della Gsa, la società italiana che gestisce il servizio antincendio e soccorso immediato, ce la fanno in soli due minuti. In 120 secondi mettono tuta ignifuga, casco e autoprotettore (un apparecchio di respirazione), saltano sul camion e mettono in moto. La «partenza» (così viene detta in gergo) a strettissimo giro è garantita. «I tempi sono calcolati e poi viene assegnato un vero e proprio rating», spiega il numero uno di Gsa Alessandro Pedone.

 

Nel Traforo del Monte Bianco

E’ (anche) grazie a questo record che l’azienda di Udine vince ininterrottamente da dieci anni la gara d’appalto del Monte Bianco. Nel 2006, l’azienda privata è subentrata ai vigili del fuoco valdostani e francesi, che gestivano il servizio antincendio dopo la riapertura del Traforo, rimasto chiuso per tre anni in seguito all’incendio del 29 marzo 1999, dove morirono 39 persone. Per mantenere il servizio, la squadra della Gsa deve superare i test ogni tre mesi, perché durante tutto il periodo contrattuale l’idoneità fisica del personale operativo deve essere garantita. In particolare, gli addetti della squadra antincendio devono superare quattro prove: il test di Luc Leger, flessioni ed estensioni degli arti superiori, flessioni alla sbarra e isometria.

 

Nell’aeroporto di Fiumicino

Grazie a questa speciale competenza, Gsa è stata chiamata a gestire la sicurezza dell’aeroporto di Fiumicino dopo l’incendio del 7 maggio del 2015 e di recente ha vinto la gestione della sicurezza antincendio nelle due gallerie di Lione (Croix-Rousse e Fourvière). Con 1.300 addetti del settore «fire», Gsa opera in tutta Italia per la sicurezza antincendio e di primo intervento. Con le sue squadre è presente h 24 sulla A24 Roma-L’Aquila-Teramo; sulla A3 Salerno-Reggio Calabria; sulla A41 Bologna-Taranto. Inoltre G.S.A. presidia la galleria San Domenico dell’autostrada A25 Roma-Pescara; la galleria San Rocco dell’autostrada A24 Roma-L’Aquila-Teramo; le gallerie della S.S. 13 Pontebbana. Gsa. gestisce oltre un centinaio di chilometri di altre gallerie su tutta la rete autostradale nazionale. Con 2.560 tunnel, l’Italia è il secondo Paese al mondo, dopo il Giappone, per numero di gallerie.

 

iTunnel, il «drone pompiere» supera la sperimentazione

Gsa ha anche sviluppato «iTunnel», un drone intelligente e telecomandato, che spegne gli incendi nelle gallerie. E’ il sistema antincendio più all’avanguardia al mondo e ha appena superato la fase di sperimentazione condotta nel Traforo del Gran Sasso dell’Autostrada dei Parchi A24. iTunnel è un «robot pompiere» dotato di telecamere a infrarosso e di sensori per rilevare i fumi che lo rendono in grado di monitorare la galleria e di rilevare immediatamente un focolaio di fiamme. Quando c’è un’emergenza incendio, il drone si mette in moto e raggiunge il rogo viaggiando a oltre 40 chilometri orari lungo un binario installato sulla volta della galleria. Scorrendo sopra i veicoli, riesce a raggiungere il cuore dell’incendio anche se l’accesso è bloccato dal traffico. Poi, spara acqua e schiuma estinguente con una potenza equivalente a quella di 32 vigili del fuoco in azione. Il drone può funzionare automaticamente e in totale autonomia oppure comandato dagli operatori. iTunnel è un progetto cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Por-Fesr). Lo sviluppo di Gsa sta avvenendo in collaborazione con il Centro Internazionale di Scienze Meccaniche di Udine e il Dipartimento Costruzioni e Trasporti della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Padova.

 

Fonte: http://www.corriere.it/

 

 

TGcom 24: Gruppo Servizi Associati +44% A/A utile netto 1* sem
Settembre 15, 2016
by Super User

Tgcom 24

 

 

 

Italia Oggi: Gruppo Servizi Associati: +44% a/a utile netto 1* sem
Settembre 15, 2016
by Super User

Italia Oggi

 

 

Milano Finanza: Gruppo Servizi Associati: +44% a/a utile netto 1* sem
Settembre 15, 2016
by Super User
Finanzaoperativa: Gruppo Servizi Associati: i risultati del primo semestre
Settembre 15, 2016
by Super User
FINANZAOPERATIVA - Pedone (Gsa): “Siamo certificati Elite e puntiamo a 100 milioni di fatturato al 2018”
Maggio 26, 2016
by Super User
MILANO FINANZA - G.S.A.: Pedone, anche in 2016 crescita a doppia cifra
Maggio 26, 2016
by Super User

 

 

TGCOM24 -G.S.A.: CHIUDE 2015 CON DATI IN FORTE CRESCITA
Maggio 25, 2016
by Super User
LA STAMPA.IT - G.S.A.: nel 2015 fatturato in crescita a 50,3 mln (+16,4%)
Maggio 25, 2016
by Super User
TRENDONLINE.IT - G.S.A.: nel 2015 fatturato in crescita a 50,3 mln (+16,4%)
Maggio 25, 2016
by Super User
MILANO FINANZA - G.S.A.: chiude 2015 con dati in forte crescita
Maggio 25, 2016
by Super User
G.S.A.: FORTE CRESCITA DEI RISULTATI 2015 (EBITDA +37%, UTILE NETTO +55%), FATTURATO TARGET 2018 A 100 MILIONI DI EURO
Maggio 24, 2016
by Super User

 


Fatturato: Euro 50,3 milioni, +16,4% (FY2014: Euro 43,2 milioni)

Importanti progetti di sviluppo internazionali, 10% Fatturato 2015 realizzato all’Estero
EBITDA: Euro 6,2 milioni, +37,2% (FY2014: Euro 4,5 milioni); EBITDA margin 12,3%
EBIT: Euro 5,5 milioni, +38,4% (FY2014: Euro 4,0 milioni);
Utile netto: Euro 3,3 milioni, +55,1% (FY2014: Euro 2,2 milioni)


Roma - Udine, 24 maggio 2016


G.S.A. (Gruppo Servizi Associati), società certificata Elite di Borsa Italiana leader nei servizi Fire (servizi di vigilanza antincendio, fire engineering e servizi antincendio evoluti) e Facility (cleaning, soft security, maintenance), ha approvato i risultati 2015.


Alessandro Pedone
, Azionista di riferimento della Società: “Il 2015 è stato un anno molto positivo che ha visto il miglioramento di tutti gli indici di bilancio, economici, finanziari e patrimoniali, in linea con le previsioni di budget. La società ha registrato un significativo incremento dei ricavi e dell’utile netto, mostrando una forte capacità di creare cash-flow, che viene reinvestito in azienda per il finanziamento dello sviluppo. Le prospettive future vedono un aumento della domanda di servizi professionali specializzati, grazie anche all’intervento normativo del marzo 2015 che aggiorna le regole del comparto Fire nel settore sanitario. La società sta proseguendo, come previsto nel piano industriale 2015-2018 il proprio percorso di crescita, sia sul mercato nazionale che internazionale, al fine di rafforzare la propria posizione competitiva nei settori di riferimento e creare partnership con investitori istituzionali, finanziari ed industriali. Ciò che maggiormente ci inorgoglisce è anche l’aver contemporaneamente innalzato l’occupazione del 10%, arrivando oggi ad un organico di 2.200 dipendenti, che lavorano con noi in tutta Italia e in Francia”.

Enrico Dri, amministratore delegato della Società: “Sono molto soddisfatto dell’andamento societario che è stato caratterizzato dalla dinamicità di una crescita impetuosa, accompagnato da una gestione rigorosa dei processi, frutto di un’organizzazione del lavoro perseguita da un team molto affiatato e costantemente orientato al risultato. Questa impostazione ci ha permesso anche di incrementare il patrimonio netto dell’azienda fino agli attuali 10 milioni di euro, che coprono i due terzi del capitale investito. Abbiamo anche in atto un importante progetto di sviluppo internazionale: dal 2014 garantiamo la sicurezza antincendio dell’intera viabilità della Comunità Urbana di Lione e di alcuni ospedali francesi e stiamo registrando una forte crescita internazionale. Oggi il 10% del nostro fatturato è realizzato in Francia, dove viene altamente valorizzata la nostra professionalità tutta italiana, e ci stiamo avvicinando ad altri mercati europei con obiettivo di un ulteriore incremento dei fatturati provenienti dall’estero”.


Il Fatturato è pari a Euro 50,3 milioni, in crescita del 16,4% rispetto a Euro 43,2 milioni nel 2014.


Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) è pari ad Euro 6,15 milioni, in aumento del +37,17% rispetto ad Euro 4,49 milioni del 31 dicembre 2014. L’EBITDA margin è pari al 12,32% (10,46% al 31 dicembre 2014). Il Reddito Operativo (EBIT) è pari ad Euro 5,51 milioni, con un incremento del +38,36% rispetto al 2014 (Euro 3,98 milioni); dopo ammortamenti per Euro 0,65 milioni.


L’Utile Netto, pari a Euro 3,34 milioni, registra un incremento del +55,11% rispetto a Euro 2,15 milioni nel 2014.


La Posizione Finanziaria Netta è pari a Euro 4,99 milioni, e rappresenta il 14,25% del passivo totale e l’83,37% dell’EBITDA, evidenziando una sostanziale capacità della società di sostenere il rimborso dei debiti finanziari indicati nella PFN, attraverso la generazione di flussi reddituali operativi caratteristici lordi indicati nel valore dell’EBITDA.


Il portafoglio clienti di G.S.A. si conferma sempre ad altissimi livelli, con professionalità e qualità assoluta del servizio imprescindibili dall’offerta. Fra le centinaia di rapporti in essere si possono ricordare, per la divisione Fire, il Traforo del Monte Bianco (con una continuità di prestazioni ininterrotta dal 2006 e già contrattualizzata fino al 2019), gli Aeroporti di Roma, gli stabilimenti di Fincantieri, Eni e i più importanti nosocomi nazionali fra i quali il Policlinico Gemelli, il Policlinico Umberto Primo, il Papa Giovanni XXIII di Bergamo, l’Ospedale pediatrico Meyer e l’Azienda Ospedaliera Careggi di Firenze, l’Asl di Livorno, il Burlo di Trieste, il Gaslini di Genova solo per citarne alcuni.


La divisione Facility ha in portafoglio commesse altrettanto importanti, nel pubblico e nel privato, Gruppo Coin, l'Autorita Portuale di Bari, Isotta Fraschini, l’USL 9 di Treviso, il Centro Internazionale di Ricerca Sincrotrone di Trieste, le Regioni Friuli Venezia Giulia, Puglia, Toscana, Veneto, l'Universita di Bari, l’Università di Udine, l’Università Orientale e l’Università Parthenope di Napoli.


Certificato Elite da Borsa Italiana

In data 27 aprile 2016, la Società ha ricevuto il Certificato Elite da Borsa Italiana, a conclusione di un percorso che ha attestato il rispetto dei rigorosi requisiti chiesti da Borsa, tra cui il forte orientamento alla crescita, la marginalità di Conto economico e la capitalizzazione. Tale riconoscimento consentirà a G.S.A., qualora lo ritenesse opportuno, di accedere al mercato borsistico e/o a nuove fonti di finanziamento, volte a sostenere il progetto di crescita della Società, che prevede il raggiungimento di 100 milioni di volume d’affari nel 2018.


Evoluzione prevedibile della gestione

Il Gruppo G.S.A., come previsto nel Piano Industriale 2015-2018, sta valutando la costruzione completa di un’organizzazione aziendale per divisioni ben identificate, superando l’attuale modello transitorio organizzato secondo il criterio delle funzioni. Nella divisione “Fire” la società si concentrerà sul segmento Healthcare, che presenta i maggiori margini di redditività, mentre a livello di strategia della divisione “Facility” si punta all’incremento dei canali di vendita diretta. A livello corporate perseguirà lo sviluppo dell’attività all’estero, in particolare in Francia, dove sono già in corso diverse gare pubbliche. 


Il comunicato stampa è consultabile sul sito internet www.grupposerviziassociati.it


G.S.A. (Gruppo Servizi Associati)
, fondato nel 1996, detiene la leadership nel settore multiservizi, con prestazioni di alta qualità, rivolte ad Enti Pubblici e Aziende di ogni dimensione e attività, operando sempre in un’ottica di global service. L’attività si sviluppa in 2 business unit: Fire e Facility. È leader assoluto in Italia nei servizi di vigilanza e prevenzione antincendio e soccorso su strade, autostrade e gallerie, nonché massimo player nazionale nel settore sanitario e interlocutore privilegiato nell’ambito aeronautico per i servizi di sicurezza. Inoltre, opera nel settore del facility management, con particolare specializzazione nell’ambito civile, industriale e sanitario. Con oltre 2.000 dipendenti, GSA attraverso l’implementazione di rigorose procedure di analisi e progettazione sperimentate e controllate, progetta piani di lavoro accurati e personalizzati e garantisce la qualità dei servizi offerti grazie all’uso di software e sistemi evoluti di gestione per monitorare costantemente le proprietà e l’evoluzione dei servizi erogati. Con sede legale a Roma e Direzione Generale a Udine, la Società ha filiali ad Aosta, Torino, Napoli e Bari e cantieri in tutte le province italiane. All’estero è presente con sedi a Lione e Chamonix in Francia. L’azienda è Certificata Elite di Borsa Italiana.

 

 

G.S.A. S.p.A.: fatturato oltre i 50 milioni e utile netto post tasse a 3,3 milioni di euro
Maggio 24, 2016
by Super User

GRUPPO SERVIZI ASSOCIATI S.p.A.
FATTURATO OLTRE I 50 MILIONI E UTILE NETTO POST TASSE A 3,3 MILIONI DI EURO


L’azienda , Certificata Elite di Borsa Italiana, punta dritta ai 100 milioni per il 2018: “Stiamo creando valore ed occupazione, dimostrando che, con rigore, dedizione  e serietà, fare impresa in Italia è possibile” ha dichiarato Alessandro Pedone, azionista di riferimento della società.
 
Roma-Udine 24 maggio 2016, ore 12.00. “Il nostro percorso e i nostri numeri sono l’evidenza che fare impresa in Italia è ancora possibile: applicando quotidianamente rigore, controllo, progettualità e tanto lavoro di squadra. Che la crisi lasci spazio anche alle opportunità, lo dimostrano gli oltre 50 milioni di euro fatturati nel 2015: ben 20 punti percentuali di incremento rispetto all’anno precedente. Ciò che maggiormente ci inorgoglisce è anche l’aver contemporaneamente innalzato l’occupazione del 10%, arrivando oggi ad un organico di 2.200 addetti assunti in pianta stabile, che lavorano con noi in tutta Italia e in Francia”.
Lo ha dichiarato Alessandro Pedone, azionista di riferimento di Gruppo Servizi Associati S.p.A., presentando con il proprio board il bilancio 2015 della società che ha sede a Roma, Direzione Generale a Tavagnacco (Udine), e cantieri in tutta Italia e in Francia. Per il terzo anno consecutivo il bilancio G.S.A. è stato certificato da Price Waterhouse Coopers (PWC).
Molto soddisfatto dell’andamento societario anche Enrico Dri, amministratore delegato di G.S.A.: “Con il 65% di giro d’affari che si rivolge alla Pubblica Amministrazione riusciamo a contenere gli oneri finanziari allo 0,80%. Un risultato sostenuto, pur nella dinamicità di una crescita impetuosa, dalla gestione rigorosa dei processi, frutto di un’organizzazione del lavoro perseguita da un team molto affiatato e costantemente orientato al risultato. Questa impostazione ci ha permesso anche di incrementare il patrimonio netto dell’azienda fino agli attuali 10 milioni di euro, che coprono i due terzi del capitale investito”.
Da sottolineare che a G.S.A. proprio ieri, 27 aprile, è stato consegnato in una cerimonia a palazzo Mezzanotte, sede milanese della Borsa Italiana,il Certificato Elite , ottenuto alla fine di un percorso che ha attestato il rispetto dei rigorosi requisiti di Borsa, come il forte orientamento alla crescita, la marginalità del Conto Economico e l’importante capitalizzazione. Questo ulteriore riconoscimento permetterà a G.S.A. qualora lo ritenesse opportuno,  di accedere al mercato Borsistico nazionale o a nuove fonti di finanziamento, che saranno decisive per sostenere il progetto di crescita che la società ha messo in cantiere fino al 2018, quando prevede di raggiungere i 100 milioni di volume d’affari.
G.S.A. ha comunque anche in atto un importante progetto di sviluppo internazionale: “Dal 2014 garantiamo la sicurezza antincendio dell’intera viabilità della Comunità Urbana di Lione e di alcuni ospedali francesi", ha aggiunto Enrico Dri. “Stiamo registrando una forte crescita internazionale, consolidando sempre nuove posizioni grazie ad importanti contratti che ci siamo aggiudicati. Con orgoglio nazionale ricordiamo che oggi il 10% del nostro fatturato lo realizziamo in Francia, dove viene altamente valorizzata la nostra professionalità, tutta italiana. Ci stiamo avvicinando anche ad altri mercati europei e la previsione è di un ulteriore incremento dei fatturati provenienti dall’estero”.
G.S.A. è strutturata in due grandi divisioni che si suddividono in forma equa il fatturato: il 50% è prodotto infatti dalla divisione Fire (servizi di vigilanza antincendio e fire engineering e servizi antincendio evoluti) mentre il restante 50% è sviluppato dalla divisione Facility (cleaning, soft security, maintenance ecc.).
 
Il portafoglio clienti di G.S.A. si conferma sempre ad altissimi livelli, con professionalità e qualità assoluta del servizio imprescindibili dall’offerta. Fra le centinaia di rapporti in essere si possono ricordare, per la divisione Fire, il Traforo del Monte Bianco (con una continuità di prestazioni ininterrotta dal 2006 e già contrattualizzata fino al 2019), gli Aeroporti di Roma, gli stabilimenti di Fincantieri, Eni  e i più importanti nosocomi nazionali fra i quali il Policlinico Gemelli, il Policlinico Umberto Primo, il Papa Giovanni XXIII di Bergamo, l’Ospedale pediatrico Meyer e l’Azienda Ospedaliera Careggi di Firenze, l’Asl di Livorno, il Burlo di Trieste, il Gaslini di Genova solo per citarne alcuni.
La divisione Facility ha in portafoglio commesse altrettanto importanti, nel pubblico e nel privato, Gruppo Coin, l'Autorita Portuale di Bari,  lsotta Fraschini, l’USL 9 di Treviso, il Centro Internazionale di Ricerca Sincrotrone di Trieste, le Regioni Friuli Venezia Giulia, Puglia, Toscana, Veneto, l'Universita  di Bari,  l’Università di Udine, l’Università Orientale e l’Università Parthenope di Napoli.
“La crescita interna e il consolidamento continuo – ha concluso Alessandro Pedone, che di G.S.A. è anche il fondatore - sono fattori identitari del nostro DNA. Poi La Certificazione Elite, raggiunta a tempo di record, ci proietta in una comunità ristretta, nella quale le opportunità di sviluppo sono ancora maggiori, molto più mature e innovative. L’eccellenza è il nostro obiettivo quotidiano, costantemente raggiunto con un determinante lavoro di gruppo. Un ulteriore +20% del volume d’affari del primo trimestre 2016 ci conforta nella nostra convinzione che fare impresa in Italia oggi, con la crisi che ancora morde, sia ancora possibile. Stiamo progettando una G.S.A. che nei prossimi tre anni raddoppi il volume d'affari, i propri occupati e sia una realtà internazionale consolidata”.

 


 
GSA IN CIFRE
Fatturato Gruppo Servizi Associati, esercizio 2015: 50 milioni di euro
Crescita del fatturato sull'anno precedente: + 20%
EBITDA: + 12% (+40% su 2014) 6 milioni
Utile netto: 3,3 milioni di euro
 
Oneri finanziari: 0,80%
Patrimonio netto: oltre 10 milioni di euro
Dipendenti: oltre 2.200 (+10% su 2014)
Previsione di fatturato esercizio 2016: 60 milioni di euro
Previsione fatturato esercizio 2018: 100 milioni di euro
Sedi: Roma, Tavagnacco-Udine, Aosta, Napoli, Bari, Lione (Francia), Chamonix (Francia)

MESSAGGERO VENETO - La GSA cresce all'estero: fatturato di 50 milioni
Maggio 11, 2016
by Super User

 

 

Des robots pour la sécurité
Aprile 22, 2016
by Super User

 

 

 

 

Pullman in fiamme nel Traforo del Gran Sasso
Aprile 18, 2016
by Super User

 

Un altro tempestivo intervento degli operatori GSA ha evitato il peggio ieri nel Traforo del Gran Sasso. Un pullman, su cui viaggiavano 47 ragazzi diretti a Roma, ha infatti preso fuoco all’interno del Tunnel dell'Autostrada A24.
La squadra antincendio GSA, che da oltre dieci anni garantisce la sicurezza antincendio nel tunnel più lungo d'Italia, si è precipitata immediatamente sul posto e ha iniziato le manovre di spegnimento del mezzo in fiamme, proseguite poi con il fondamentale arrivo dei Vigili del Fuoco. L’operazione è terminata alle ore 21:00 quando la carreggiata interessata dall'incendio è stata riaperta al traffico.
Un plauso speciale ai nostri due operatori, Marco Renzitti e Berardo De Carolis, per il magnifico lavoro!!

 

L'intervento di Alessandro Pedone al Congresso Nazionale SIAIS
Novembre 06, 2015
by Super User

Intervento del dott. Alessandro Pedone nella qualità di Presidente di ANISA Confindustria al 6^ Congresso Nazionale SIAIS "La sanità della complessità - Ospedale e Territorio: nuove frontiere progettuali e tecnologiche" - Politecnico di Bari, 6 novembre 2015 - durante la conferenza "Le soluzioni di mitigazione del rischio incendio per le strutture sanitarie alla luce del nuovo disposto normativo" con la partecipazione dell'Ing. Luigi Abete, Dirigente Generale a r. Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. 

 

 

 

G.S.A. partecipa al Congresso Nazionale S.I.A.I.S.
Novembre 05, 2015
by Super User

G.S.A. partecipa al 6° Congresso Nazionale S.I.A.I.S. "La SANITA' della COMPLESSITA' - Ospedale e Territorio: nuove frontiere progettuali e tecnologiche".

Venerdì 6 novembre 2015 l’Azionista di riferimento di G.S.A. Alessandro Pedone, nonché Presidente ANISA (Associazione Nazionale Imprese sorveglianza Antincendio), sarà il relatore della conferenza “Le soluzioni di mitigazione del rischio incendio per le strutture sanitarie alla luce del nuovo disposto normativo” con la partecipazione dell’Ing. Luigi Abate, Dirigente Generale a r. Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e dell’Arch. Giampaolo De Cassan, Health & Safety Manager Università cattolica del Sacro Cuore & Policlinico Universitario A. Gemelli. L’incontro è previsto per le ore 12.30 presso il Rettorato del Policlinico di Bari in via Amendola 126, in occasione del 6° Congresso Nazionale S.I.A.I.S., La Sanità della Complessità – Ospedale e Territorio: nuove frontiere progettuali e tecnologiche.

 


Il congresso, promosso da G.S.A., si sviluppa nell’arco di tre giorni (5, 6 e 7 novembre) durante i quali architetti, ingegneri e tecnici esperti di progettazione per la sanità discuteranno di temi rilevanti come l’evoluzione architettonica e tecnologica dell’ospedale a misura di cittadino, le nuove strategie per controllare i costi e lo smart hospital, gli appalti integrati complessi, le norme antincendio, l’agenda europea 2014-2020, i fondi comunitari per la sanità, le centrali di committenza, l’anticorruzione e la trasparenza. Argomenti di grande attualità, invocati da molti come prioritari e ai quali durante il meeting barese si tenterà di dare una risposta.

 

 

Autocisterna in fiamme all'uscita del Traforo del Gran Sasso
Ottobre 27, 2015
by Super User

L'incendio alle 10 di lunedì. A domare le fiamme le Squadre Antincendio della Società GSA. Traforo, chiuso per circa un’ora, è stato riaperto alla viabilità alle 11:10 circa
Fonte: RomaToday

Paura nella giornata di lunedì sul traforo del Gran Sasso. Alle 10 un tir ha preso fuoco all'uscita di quella che è la galleria a due canne più lunga d'Europa. Ad evitare il peggio il pronto intervento delle Squadre Antincendio della Società GSA, poste a presidio del Traforo del Gran Sasso. Sei i minuti necessari per raggiungere il luogo dell'incendio.

Una scena potenzialmente pericolosa quella dell'incendio. Sul cassone del tir infatti era presente una bombola GPL. Dopo aver domato le fiamme, si è provveduto a mettere a mettere in sicurezza la bombola, raffredandola.  Con l’arrivo sul posto delle Squadre dei Vigili del Fuoco dell'Aquila e di Teramo il mezzo è stato definitivamente spento. Il traforo, chiuso per circa un’ora, è stato riaperto alla viabilità alle 11:10 circa.

Ad aiutare il rapido spegnimento del rogo la dotazione dell'azienda. Spiega GSA in una nota: "Senza indugi sono iniziate le operazioni di spegnimento mediante l'utilizzo degli innovativi sistemi ad acqua micronizzata: la Pistola a impulsi, in grado di “sparare” acqua ad oltre 400 km/h riducendola in piccole microgocce, si è ancora una volta rivelata efficace".

"Un plauso particolare", si legge nella nota, "va rivolto alla Società Strada dei Parchi S.p.A. e alle Squadre Antincendio che, da oltre dieci anni, garantiscono il Pronto Intervento presso la più lunga galleria a due canne d’Europa".

 

Fonte: RomaToday

 

Incendio al nucleo industriale, pannelli fotovoltaici in fiamme per un corto circuito
Giugno 30, 2015
by Super User

Incendio al nucleo industriale, pannelli fotovoltaici in fiamme per un corto circuito

Avezzano. Un cortocircuito dei pannelli fotovoltaici ha causato, questa mattina, un principio di incendio a un capannone del nucleo industriale, situato precisamente vicino all’edificio “Edil color”, lo stesso stabile che ha affittato Postel. Sul luogo dell’incendio sono intervenuti prontamente i vigili del fuoco di Avezzano che hanno lavorato per spegnere le fiamme e mettere in sicurezza la zona. Hanno collaborato anche gli uomini del Gsa (Gruppo servizi associati). La situazione è tornata alla normalità nel giro di pochi minuti. I parametri del sistema antincendio sono stati pienamente funzionali. In corso accertamenti dei  vigili del fuoco per accertare le cause del corto circuito.

Vai all'articolo originale

 

G.S.A. "FA SCUOLA" DI SICUREZZA ANTINCENDIO
Maggio 20, 2015
by Super User

Proprio così, G.S.A. S.p.A., Leader Nazionale nel Settore della Vigilanza Antincendio, già da qualche mese sta organizzando delle giornate formative sulla Sicurezza Antincendio, rivolte alle Scuole Elementari della Regione Lazio.
L'obbiettivo di queste giornate è quello di far comprendere ai ragazzi delle Scuole Elementari, l'importanza della Sicurezza Antincendio all'interno della società in cui viviamo, al fine di educare e responsabilizzarne i comportamenti sopratutto in questa preziosa fase della loro vita.      
L'ultima giornata formativa, di quest'anno scolastico, si è svolta lo scorso venerdì presso la sede Romana di G.S.A., dove è stata ospitata una scolaresca dell'Istituto Suore Francescane di Civita Castellana in Provincia di Viterbo.
La giornata è iniziata con la visita guidata al Museo Storico dei Vigili del Fuoco di Roma, dove il Responsabile del Museo, Rino Fumaselli, ha spiegato ai ragazzi la storia dei Vigili del Fuoco dall'epoca dei Romani ai giorni nostri.
Subito dopo, grazie alla preziosa partecipazione dell'ex Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco della Regione Lazio, l'Ing. Luigi Abate, i ragazzi hanno potuto conoscere e apprezzare i contenuti della specifica attività Istituzionale, svolta dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco su tutto il Territorio Italiano.
Dopo la visita al Museo, la scolaresca si è spostata presso la sede della GSA, dove il Direttore della Filiale Romana, Emiliano Martinez, ha spiegato ai ragazzi l'Attività di Sicurezza Antincendio svolta dalla stessa su tutto il Territorio Nazionale, facendo visionare alcuni filmati, tra i quali quello del recentissimo ed innovativo brevetto G.S.A., "iTunnel - Il Sistema Antincendio Automatico per Galleria".
La giornata è terminata con un test di spegnimento effettuato con l'utilizzo degli innovativi sistemi di spegnimento ad acqua micronizzata in dotazione alle squadre di intervento G.S.A., dando prova dell'efficacia degli stessi.
Visto l'ottimo risultato dell'iniziativa, G.S.A. si propone di ripetere queste giornate formative anche durante il prossimo Anno Scolastico, al fine di dare un contributo ulteriore alle conoscenze dei futuri cittadini del domani.

 

 

GSA approva il bilancio e sogna la Borsa
Aprile 27, 2015
by Super User


Articolo tratto da "Il Messaggero Veneto" del 25 aprile 2015

 

 

NEL 2014 FATTURATO A 45,9 MILIONI E UTILE NETTO A 2,1 MILIONI (+31,08%)
Aprile 27, 2015
by Super User

L’azienda è stata ammessa al progetto Elite di Borsa Italiana. L’azionista di riferimento Alessandro Pedone: “Siamo uno dei soggetti più dinamici del nostro settore. Cresciamo solo per spinta interna e puntiamo a 100 milioni di fatturato entro il 2018”.

Roma-Udine 24 aprile 2015, ore 13.00. “Il nostro è un percorso ventennale segnato da una crescita costante, confermatasi anche in un orizzonte di stagnazione generalizzata: il 2014 per noi si è chiuso con un significativo +10,62%, con un fatturato consolidato di 45,9 milioni di euro. Sottolineamo anche il risultato d’esercizio, con l’utile netto che raggiunge i 2,1 milioni di euro (+31,08%) rispetto a 1,64 milioni del 2013. Un risultato tenacemente perseguito attraverso l’ottimizzazione dei servizi, la ricerca di nuove soluzioni, l’attenzione all’evoluzione del mercato, l’apertura di nuovi business che hanno consolidato il nostro già ampio patrimonio di esperienze”. Queste le dichiarazioni anticipate da Alessandro Pedone, azionista di riferimento di Gruppo Servizi Associati S.p.A. alla presentazione del bilancio 2014 della società che ha sede a Roma e Direzione Generale a Tavagnacco - Udine.
“A conferma di un’impostazione vincente della gestione – continua l'A.D. Enrico Dri – c’è l’ulteriore contrazione degli oneri finanziari sui ricavi, scesi allo 0,77% contro lo 0,96% dell’anno precedente: un valore significativo se pensiamo che il 65% del nostro venduto si rivolge alla Pubblica Amministrazione. Infine, accanto all’aumento di capitale sociale, oggi a 3 milioni di euro interamente versati, ricordiamo anche il patrimonio netto dell’azienda, che ha portato il suo valore a 7,7 milioni di euro contro i 6 milioni di euro del precedente esercizio”.
Oltre a quanto anticipato dagli eccellenti dati economici, da ricordare che il 2014 è stato segnato da alcuni eventi notevoli per G.S.A.: come l’aggiudicazione dei servizi di sicurezza antincendio per l’intera viabilità della Comunità Urbana Gran Lyon di Lione, alla quale ha fatto seguito l’apertura di una branch dedicata allo sviluppo internazionale situata proprio nel cuore della cittadina francese. Accanto a questo, l’installazione sotto il tunnel del Gran Sasso, alla presenza dei più alti vertici del Governo Italiano e dei massimi operatori infrastrutturali nazionali, del sistema di sicurezza antincendio a droni mobili telecomandati iTunnel, una tecnologia altamente innovativa completamente nata e sviluppata in casa G.S.A..
G.S.A. opera nel settore del global service e facility management, con una leadership europea nel settore della sicurezza e prevenzione incendi nella quale è attiva con una divisione ad altissima specializzazione che gestisce la safety per infrastrutture strategiche in Italia e Francia, e ha il suo fiore all’occhiello nel servizio di sorveglianza antincendio e primo intervento nel tunnel del Monte Bianco, con una continuità di prestazioni ininterrotta dal 2006, e che si protrarrà fino al 2019.
“La crescita si conferma solo a fronte di un’organizzazione strutturata della propria offerta e di un controllo rigoroso della sua qualità” dichiara ancora Enrico Dri, Amministratore Delegato di Gruppo Servizi Associati. “Esclusivamente partendo dalla qualità e mirando ad acquisire commesse ad alta specializzazione si può ottenere una redditività crescente. Offriamo livelli elevati di prestazione e il mercato ci premia per questo. Per il secondo anno consecutivo il nostro bilancio è certificato da Price Waterhouse Coopers (PWC) ad ulteriore garanzia della nostra affidabilità e trasparenza”.
Il portafoglio clienti delle tre divisioni del Gruppo, Safety, Facility Management e Security” si conferma sempre ad altissimi livelli.
Motore del Gruppo è la divisione Safety con un portafoglio clienti impreziosito dai nomi dei più importanti nosocomi italiani che nel 2014 hanno confermato l’aggiudicazione dei servizi per la sicurezza antincendio a G.S.A.: il Policlinico Gemelli, l’Ospedale Pertini, l’Ospedale San Carlo, l’IDI, l’Ospedale Vannini tutti di Roma, il Papa Giovanni XXIII di Bergamo, l’Azienda Ospedaliera di Pisa, l’Ospedale pediatrico Meyer e l’Azienda Ospedaliera Careggi di Firenze, l’Ospedale di Conegliano, l’Asl di Livorno, solo per citarne alcuni.
In ambito industriale, tra gli altri, affidano a G.S.A. la sicurezza dei loro stabilimenti in Italia anche Fincantieri, Eni ed Exxon.
Consolidano la propria crescita anche le divisioni Facility Management e Security confermando l’intero parco clienti. Fra questi spiccano tutti gli stabilimenti del gruppo Pasta Zara, di lsotta Fraschini, l’USL 9 di Treviso ed il Centro Internazionale di Ricerca Sincrotrone di Trieste. Fra le nuove acquisizioni si possono ricordare gli uffici della Provincia di Padova, le sedi di regione Puglia E toscana, l’Asl di Caserta, l’Università di Udine.
“Il 2015 ha già dato motivi di notevole soddisfazione – conclude l’azionista di riferimento Alessandro Pedone – come l’ammissione alle Società aderenti al Progetto Elite di Borsa Italiana che conferma G.S.A. S.p.A. come uno dei soggetti più dinamici e promettenti del panorama nazionale. Abbiamo fatto bene, ma vogliamo fare meglio: innovazione, puntualità, serietà e determinazione restano i caposaldi dei nostri valori. Avevamo previsto ampi margini di sviluppo sul mercato italiano e i numeri ci danno ragione. Il nostro obiettivo è continuare a crescere, con i nostri mezzi, creando occupazione, consolidando l’immagine positiva dell’imprenditoria italiana in Europa e puntando a raggiungere i 100 milioni di fatturato entro il 2018, e chissà forse anche la quotazione ”.

GSA IN CIFRE
Fatturato consolidato esercizio 2014: 45,935 milioni di euro
Crescita del fatturato sul 2014: + 10,62%
Margine Operativo Lordo: + 16,09%
Utile netto: 2,1 milioni di euro
Crescita utile netto: + 31.08%
Oneri finanziari: 0,77%
Nuove commesse a portafoglio al 31 dicembre 2014 e per il prossimo triennio: 87 milioni di euro
Dipendenti: oltre 2.000
Previsione di fatturato esercizio 2015: 50 milioni di euro
Previsione fatturato esercizio 2018: 100 milioni di euro
Sedi: Roma, Tavagnacco-Udine, Aosta, Torino, Napoli, Bari, Lione (Francia), Chamonix (Francia)

 

G.S.A. protagonista al meeting tra le sessantasette società quotabili del Nord Est
Marzo 24, 2015
by Super User

Oggi, nella prestigiosa sede della fondazione C.U.O.A. (Centro Universitario di Organizzazione Aziendale) a Vicenza, si sono incontrate le aziende del Triveneto che rappresentano un modello vincente per contrastare la crisi.
In quest’occasione, l'amministratore delegato di Gruppo Servizi Associati S.p.A., Dottor Enrico Dri, ha illustrato le strategie di crescita e sviluppo della società nel mercato dei servizi, in Italia ed all'estero, con particolare riguardo al mercato francese. La "ricetta” illustrata da Dri si compone di: professionalità, innovazione, e internazionalizzazione. Il convegno ha ancora una volta dimostrato come le strategie di Gruppo Servizi Associati S.p.A. siano allineate con gli standard più evoluti presenti sul mercato.
La giornata è stata anche l'evento inaugurale di Festival Città Impresa, una kermesse sul tema dell'economia nel Triveneto. L'evento è stato condotto da Dario di Vico, giornalista del Corriere della Sera ed ha visto la presenza, tra gli altri, di Massimo Candela, amministratore delegato di Fila, Paolo Gubitta, docente di organizzazione aziendale presso l’Università di Padova, Gianni Mion, presidente di Benetton e di Roberto Zuccato presidente di Confindustria Veneto.
Ai lavori hanno partecipato anche i rappresentanti di spicco della piattaforma Elite di Borsa Italiana: l’incubatore delle migliori società italiane che ambiscono alla quotazione nel mercato azionario. La presenza di “piattaforma Elite” ha dato modo al dott. Enrico Dri di ricordare ai presenti l’attenzione, l’impegno e la professionalità che hanno permesso a Gruppo Servizi Associati S.p.A. di entrare recentemente nel club esclusivo delle aziende “Elite” di Borsa Italiana.

 

Le strutture ospedaliere e la nuova normativa antincendio, un altro successo di G.S.A.
Gennaio 30, 2015
by Super User

Si è appena conclusa la prima conferenza nazionale sul tema della sicurezza antincendio per le strutture ospedaliere dal titolo "Le strutture ospedaliere e la nuova normativa antincendio", sponsorizzata da Gruppo Servizi Associati S.p.A. e patrocinata dall'A.I.O.P., l'Associazione Italiana dell'Ospedalità Privata.
L'evento ha destato l'interesse delle figure di vertice nei diversi settori impegnati nella sicurezza antincendio: oltre 270 partecipanti, a rappresentanza delle strutture ospedaliere, pubbliche e private, tecnici e responsabili della sicurezza, società di progettazione, centri studi e professionisti di rilievo nazionale.
Il dottor Alessandro Pedone, che ha avuto l'onore dei saluti iniziali ed il ruolo di primo relatore, ha parlato sia come presidente della A.N.I.S.A., l'Associazione Nazionale delle Imprese di Sorveglianza ed Antincendio, sia in veste di azionista di riferimento di G.S.A. S.p.A.
Questa dualità di visione, quella dell'associazione datoriale e quella dell'impresa, ha permesso di realizzare un'analisi molto attenta del disposto normativo di prossima approvazione, permettendo di porre all'attenzione dell'auditorium non solo le imposizioni derivanti dal Decreto Ministeriale, ma soprattutto le opportunità che ne potrebbero derivare.
<<Questa posizione - ha detto Alessandro Pedone - mi permette di analizzare l'evoluzione normativa sulla base dell'esperienza sia di chi "fa" e sia di chi "si relaziona": da una parte, l'impresa, che ha il polso dei problemi oggettivi, operativi, che esistono e chiedono una soluzione, dall'altra l'associazione, che ascolta gli Enti, i Ministeri, il Legislatore, al fine di comprendere al meglio cosa si vuole davvero ottenere da un disposto normativo, e suggerendo le oggettive necessità cui il testo di legge deve dare una risposta >>

Oltre all'analisi della evoluzione normativa, Alessandro Pedone, ha dato una visione programmatica di come affrontare il problema della sicurezza antincendio per le strutture sanitarie, ponendo in evidenza l'impostazione innovativa del Decreto in emanazione, ed i benefici economici - finanziari ed operativi che ne potrebbero derivare per le strutture sanitarie, se guidate con esperienza nella loro programmazione.
G.S.A. S.p.A. è da sempre attenta alle evoluzioni nel settore antincendio, sia dal punto di vista normativo, sia da quello dell'efficientamento dei servizi, il miglioramento della formazione, l'evoluzione tecnologica.

 

 

GSA partecipa al primo convegno "Le strutture ospedaliere e la nuova normativa antincendio"
Gennaio 27, 2015
by Super User

Gruppo Servizi Associati S.p.A. partecipa attivamente giovedì 29 gennaio 2015 a Roma al primo convegno nazionale

dedicato a “Le strutture ospedaliere e la nuova normativa antincendio”, evento patrocinato dall’A.I.O.P.,

l’Associazione Italiana dell’Ospedalità Privata.

L'azienda e' main sponsor dell’evento ed il dottor Alessandro Pedone, azionista di riferimento di G.S.A., interverrà al

convegno anche nella sua veste di presidente della A.N.I.S.A., l’Associazione Nazionale delle Imprese di Sorveglianza

ed Antincendio, aderente a Confindustria.

La normativa italiana in materia di antincendio muta a velocità considerevole, sono stati apportati degli elementi di

forte innovazione, soprattutto nel campo dell’organizzazione dei servizi antincendio e della gestione delle emergenze.

Il convegno assume pertanto primaria importanza per tutti gli operatori del settore: direttori generali, proprietari e

amministratori di ospedali, responsabili di uffici tecnici e dei servizi di prevenzione e protezione, fino ai progettisti

delle nuove strutture e dei lavori di ristrutturazione ed ammodernamento delle strutture esistenti.

L’obiettivo del convegno “Le strutture ospedaliere e la nuova normativa antincendio”, sposa in pieno il core business

di G.S.A. S.p.A., che è sempre attenta alle evoluzioni nel settore antincendio, sia dal punto di vista normativo, sia da

quello dell’efficientamento dei servizi, dl miglioramento della formazione, dell’evoluzione tecnologica.

La leadership di G.S.A. S.p.A. nella sicurezza antincendio delle strutture sanitarie è ormai un dato consolidato. La

capacità di offrire, nell’ambito della Safety e Antincendio, servizi che spaziano dalla progettazione, alla fornitura dei

mezzi e delle attrezzature, fino alla formazione del personale e soprattutto alla sorveglianza attiva antincendio, pone

Gruppo Servizi Associati S.p.A. quale principale player nazionale del settore.

Inoltre, con un’esperienza di oltre 20 anni, G.S.A. è in grado di fare sì che il nuovo dettato normativo possa essere

applicato alle strutture sanitarie massimizzando i benefici e contenendo i costi di gestione, di manutenzione e di

assicurazione.

Con il dottor Alessandro Pedone, interverranno al convegno patrocinato figure di spicco del settore: l’architetto

Braccio Oddi Baglioni, vice presidente del Centro Nazionale per l’edilizia e la Tecnica Ospedaliera, il professor Enrico

Comberti, docente di scienze infermieristiche dell’Università degli Studi di Brescia e responsabile della gestione del

rischio presso gli Ospedali Civili di Brescia, il professor Giuseppe Renato Croce, magistrato di Cassazione ed esperto in

modelli organizzativi, il dottor Stefano Marsella, direttore dell’Istituto Superiore Antincendi di Roma, il dottor Gabriele

Pellissero, presidente del Gruppo Ospedaliero San Donato di Milano, l'ing. Michele Rainieri, titolare dello studio di

progettazione Antincendio di Parma che si occuperà anche di moderare il convegno, e il dottor Maurizio Russo,

esperto incaricato dall’Associazione Italiana Ospedalità Privata.

Il responsabile scientifico del convegno è il dottor Davide Rizzardi, responsabile del servizio di Prevenzione e

Protezione del Policlinico San Donato e della Casa di cura La Madonnina di Milano: sarà lui ad introdurre i lavori, alla

presenza dell’Avvocato Vincenzo Gibiino, Senatore della Repubblica Italiana, e della dottoressa Barbara Cittadini, Vice

Presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata.

Il convegno “Le strutture ospedaliere e la nuova normativa antincendio” si terrà presso la sala convegni del Boscolo

Exedra Hotel, in piazza della Repubblica 47 a Roma.

 

Invito al convegno nazionale "Le strutture ospedaliere e la nuova normativa antincendio"
Gennaio 23, 2015
by Super User

 

Apri la presentazione dell'evento in formato pdf

 

 

Antincendio GSA in 255 strutture
Gennaio 21, 2015
by Super User

 

 

Gruppo Servizi Associati S.p.A. acquisisce una nuova, eccellente partnership nel settore della Sicurezza Antincendio.
Gennaio 21, 2015
by Super User

L'A.R.I.S., Associazione religiosa degli Istituti Socio-sanitari, che abbraccia 255 strutture in tutto il territorio italiano,  per un totale di 31mila posti letto, ha scelto Gruppo Servizi Associati S.p.A. per il servizio di prevenzione incendi e di Risk Management.
Nei giorni scorsi, il dottor Alessandro Pedone, azionista di riferimento di G.S.A. S.p.A., ha concluso a Roma un accordo  di convenzione con cui Gruppo Servizi Associati S.p.A. diventa partner esclusivo di A.R.I.S. per l'adeguamento delle strutture sanitarie alla normativa antincendio con una programmazione razionale degli interventi e con personale altamente qualificato alla lotta antincendio.
L'obiettivo consiste nell'ottenere il rispetto degli indirizzi normativi, sia attuali, sia futuri, raggiungendo il massimo dei benefici realizzabili.
Il prestigio e la rilevanza di A.R.I.S. sul territorio italiano nel campo della sanità sono elementi che confermano la leadership di Gruppo Servizi Associati S.p.A. nel settore della Safety.
La scelta di A.R.I.S. è basata sull'esperienza che Gruppo Servizi Associati S.p.A. ha acquisito negli anni, garantendo la sicurezza delle più importanti strutture sanitarie italiane, tra le quali è doveroso citare l'Istituto Dermopatico dell'Immacolata, l'Ospedale Madre Giuseppina Vannini e l'Ospedale San Carlo di Nancy, peraltro tutti aderenti all'A.R.I.S., il Policlinico Umberto I di Roma, l'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, il Cto e il Meyer di Firenze, il Burlo Garofalo e il Cattinara di Trieste, il Cardarelli di Napoli ed il Cannizzaro di Catania.
Ora, anche le 255 strutture associate ad A.R.I.S. potranno godere dell'offerta di G.S.A. S.p.A. che opererà, come da strategy aziendale, a 360°, con servizi antincendio realizzati dal proprio personale specializzato,  consulenza giudirico-amministrativa e tecnico-ingegneristica, formazione insourcing delle squadre antincendio, tecnologie innovative.
Per comprendere la rilevanza di A.R.I.S. e l'importanza della convenzione stipulata con il Gruppo Servizi Associati S.p.A., basta sapere che A.R.I.S. impiega complessivamente oltre 50.000 operatori sanitari, oltre 5.000 dei quali sono medici ospedalieri. A questi, vanno aggiunti i 3.500 operatori degli Enti Federati, che fanno comunque parte della galassia A.R.I.S.

Primo atterraggio dell'elisoccorso all'ospedale di Venezia
Gennaio 15, 2015
by Super User

VENEZIA. E' stata attivata per la prima volta per un'urgenza l'elisuperficie dello Jona, all'ospedale di Venezia. L'elicottero del Suem Veneto si e' posato mercoledì sulla piattaforma del Civile per un servizio effettivo e urgente. Dal Pronto Soccorso dell'Ospedale di Padova, infatti, e' giunto un paziente, padovano, intubato e con un'importante insufficienza respiratoria. Il caso richiedeva un immediato ricovero nel reparto di Rianimazione; non essendoci la possibilita' di un'accoglienza immediata a Padova, il Suem 118 ha ricevuto la disponibilita' della Rianimazione veneziana, e ha deciso il volo su Venezia.

Al Civile, nel frattempo, il reparto del dottor Carlo Maggiolo, allertato, ha atteso l'arrivo del paziente, mentre sulla piattaforma si svolgevano le procedure previste dai protocolli. L'elicottero si e' posato sull'elisuperficie nel pomeriggio inoltrato, e tutte le fasi dell'atterraggio e della consegna del degente, gia' testate durante i voli di collaudo delle scorse settimane, si sono svolte regolarmente.

A pilotare l'elicottero era Augusto D'Alberto, il referente triveneto dei piloti, che nelle scorse settimane ha seguito la formazione e i voli di prova di tutti i comandanti. Conclusa l'operazione, il comandante si e' detto soddisfatto, anche per i tempi molto rapidi della ripartenza, garantiti dal personale e dal medico in servizio all'elisuperficie. "Siamo lieti del buon esito dell'operazione, di cui peraltro non avevamo dubbi - commenta il direttore generale dell'Ulss 12 Giuseppe Dal Ben - e siamo lieti anche che in questo primo trasferimento l'Ospedale di Venezia abbia svolto il ruolo di ospedale di destinazione, ricevendo quindi un paziente, e dimostrando cosi' di essere pronto a giocare il suo ruolo di Ospedale di livello dentro la rete degli ospedali veneti".

 

Articolo tratto da "La Nuova di Venezia e Mestre"

 

 

Strada dei Parchi: al via il progetto Itunnel nella galleria del Gran Sasso
Dicembre 23, 2014
by Super User

L’Aquila 22.12.2014 – La Galleria più lunga d’Italia diventa anche la più innovativa in materia di tecnologia della sicurezza. Nei giorni scorsi è stato inaugurato e mostrato in movimento il drone I-Tunnel, un dispositivo automatizzato antincendio, una tecnologia italiana all'avanguardia nel mondo, progettato e costruito da G.S.A. All'interno del Traforo alla presenza di Riccardo Nencini, Vice Ministro Infrastrutture e Trasporti,  Luciano D’Alfonso, Presidente della Regione, Cesare Ramadori, amministratore delegato di Strada dei ParchiStefano Ragazzi direttore nazionale dei LNGS, Alessandro Pedone, azionista di riferimento della GSA.

“Questa inaugurazione dimostra che l’innovazione italiana e abruzzese, rappresenta un’eccellenza a livello internazionale. Questa è un esempio dell’Italia che sa coltivare la dorsale della ricerca e dell’imprenditoria’’. Ha dichiarato a margine della presentazione Riccardo Nencini, Vice Ministro Infrastrutture e Trasporti.

Strada dei Parchi investe in nuove tecnologie e punta al costante miglioramento del servizio ai viaggiatori. Il nuovo dispositivo antincendio I-Tunnel andrà ad affiancare una squadra di emergenza in motocicletta già attiva sul tratto autostradale, ne potenzierà l’efficienza per l’incolumità dei viaggiatori. Il Traforo del Gran Sasso con i suoi 10,176 metri è la galleria a doppia canna più lunga d’Europa e la 12° nel mondo. L'Italia per le sue caratteristiche orografiche è il paese europeo con la più alta concentrazione di gallerie: sono 641 nella sola rete autostradale a pedaggio, secondo gli ultimi dati Aiscat del 2013, solo in Abruzzo 70 gallerie e 120 kilometri di viadotti.

“Ringrazio chi ha messo in campo questa straordinaria innovazione - ha detto nel suo intervento il Presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso - che va nella direzione della protezione di un’eccellenza come il laboratorio del Gran Sasso. La giornata di oggi ha un grande valore formativo per le istituzioni e per il mondo imprenditoriale. Si è agito in un’ottica di prevenzione, mettendo in sicurezza un’area sensibile, non siamo di fronte a un intervento avvenuto dopo una catastrofe. In Italia questo è un fatto straordinario. Garantire la circolazione in sicurezza, cucire prodotti innovativi in galleria e soprattutto nei viadotti, questo sarà il mio impegno’’.

“Sin dal primo momento abbiamo dato grande attenzione alla sicurezza dell’utenza - ha detto nel suo intervento Cesare Ramadori, amministratore delegato di Strada dei Parchi -. Uno dei primi interventi è stato il raddoppio della Teramo mare, quindi il completamento delle complanari , con l’immissione del traffico su 8 corsie e la divisione tra viabilità locale e di lunga percorrenza. Abbiamo vissuto sulla nostra pelle il terremoto, pur avendo ricevuto danni pesanti, siamo riusciti a far passare i mezzi di soccorso, ne siamo fieri. Questa autostrada è un collegamento tra est e ovest, fondamentale in caso di episodi sismici come quelli nel 2006. Abbiamo presentato il 4 dicembre scorso la quarta proposta di un importante piano finanziario per mettere in sicurezza per i prossimi 100 anni l’autostrada adeguando viadotti e impianti, sostituendo le barriere dell’ impatto acustico, abbiamo la speranza di portare a termine questo progetto in breve tempo, qualche anno’’.

“Sono entusiasta dell'avvio in uno scenario operativo di  iTunnel, oggi comincia l'esperienza di una tecnologia assolutamente innovativa - aggiunge Alessandro Pedone, azionista GSA - un appuntamento importante sia dal punto di vista della sicurezza infrastrutturale che da quello del sostegno dello sviluppo scientifico, che metterà in ulteriore  protezione la galleria di accesso ai Laboratori del Gran Sasso. Con i suoi 400 metri di binario, i 4 monitori fissi e i suoi 2 carrelli mobile, il dispositivo Itunnel a partire da oggi sarà operativo nella Galleria del Gran Sasso. Crediamo in questo progetto: da oltre tre anni è impegnato un team composto da dirigenti e tecnici, con un investimento di start up complessivo di oltre due milioni e mezzo di euro di tecnologie, progettazione e lavori’’.

Tratto da Tiscali: ultimora.

 

 

Comunicato stampa: inaugurazione iTunnel®
Dicembre 22, 2014
by Super User

Da ieri, il Traforo del Gran Sasso è una delle gallerie autostradali più innovative al mondo in termini di sicurezza grazie al sistema di sicurezza iTunnel, inventato da Gruppo Servizi Associati S.p.A. e installato nella galleria della Strada dei Parchi S.p.A. alla presenza del vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Senatore Riccardo Nencini, del Presidente della Regione Abruzzo, il Governatore Luciano D'Alfonso,  del Prefetto dell’Aquila, del Dottor Francesco Alecci, dell’Amministratore Delegato di Strada dei Parchi S.p.A., il Dottor Cesare Ramadori, del direttore dell'Istituto Nazionale Fisica Nucleare, il Professor Stefano Ragazzi e dell'azionista di riferimento di G.S.A. S.p.A. Alessandro Pedone.
La convention è stata aperta da un messaggio del Ministro per i Trasporti e delle Infrastrutture, l'Onorevole Maurizio Lupi. Il Ministro, non potendo essere presente all'inaugurazione di iTunnel per impegni legati al suo ruolo a Roma, nel salutare i convenuti ha voluto evidenziare il valore della tecnologia prodotta da Gruppo Servizi Associati S.p.A.: "Investire in sicurezza nelle nostre strade e autostrade è un impegno che ci siamo presi a livello europeo, ma soprattutto è un dovere che abbiamo nei confronti dei cittadini. Il sistema iTunnel contribuisce significativamente a questo progetto e impegno per la sicurezza, lo fa con una tecnologia innovativa, dimostratasi affidabile, precisa e veloce nell’intervento. Il fattore tempo in casi di incendi, sappiamo bene, è un fattore decisivo per superare l’emergenza. In questo senso, permettetemi un paragone ardito. Quello che è stato realizzato nella galleria del Gran Sasso è un po’ il simbolo di quello che cerchiamo di fare per il nostro Paese: portarlo fuori dall’emergenza. Anche in questo, il fattore tempo è decisivo: dobbiamo cambiare il paese, innovarlo, e dobbiamo farlo subito. Dobbiamo andare orgogliosi dell’alta tecnologia e della grande professionalità di tante aziende che danno lustro all’Italia nel mondo e per le quali altri governi chiedono la presenza di nostre imprese nel loro Paese".
Alessandro Pedone, azionista di riferimento di G.S.A. S.p.A., nel corso della cerimonia di inaugurazione ha con estrema soddisfazione sottolineato l'impegno di Gruppo Servizi Associati S.p.A. in fase di progettazione e prototipizzazione del sistema iTunnel, che si pone in assoluta avanguardia sotto l'aspetto della tecnologia e dell'efficacia operativa. "Sono entusiasta - ha dichiarato Alessandro Pedone - dell'avvio, in uno scenario operativo, di iTunnel: oggi comincia l'esperienza di una tecnologia assolutamente innovativa. Un appuntamento importante sia dal punto di vista della sicurezza infrastrutturale, sia da quello del sostegno dello sviluppo scientifico, che metterà in ulteriore protezione la galleria di accesso ai Laboratori del Gran Sasso. Crediamo in questo progetto: da oltre tre anni, è impegnato un team composto da dirigenti e tecnici, con un investimento di start up complessivo di oltre due milioni e mezzo di euro in tecnologie, progettazione e lavori. L'iTunnel è in grado di percepire il principio d'incendio e di intervenire in tempo zero inviando comunicazione alla centrale operativa per procedere in autonomia o sotto comando. Ha una gettata di mille litri al minuto, per ciascuno dei due monitori: una capacità di intervento con una potenza devastante, equivalente a quella che apporterebbero 32 vigili del fuoco".

Entusiasta il vice Ministro Nencini, che ha posto con orgoglio l'accento sulla capacità di fare sistema espressa dagli attori protagonisti: "La giornata di oggi - ha detto il Senatore Riccardo Nencini - dimostra che  l'innovazione rappresenta un'eccellenza a livello internazionale. Questa è un esempio dell'Italia che sa coltivare la dorsale della ricerca e dell'imprenditoria: si deve investire in ricerca. Reputo un dato ormai fondamentale l'interscambio fra intelligenze e creatività che ha portato alla realizzazione di un sistema così avanzato come iTunnel".
 
Il Presidente della Regione Abruzzo,  Luciano D'Alfonso, ha riconosciuto l'importanza del sistema iTunnel nella gestione di una infrastruttura fondamentale per il territorio abruzzese: "Grazie a G.S.A. S.p.A. abbiamo una Galleria che ci assicura velocità, collegamenti e sicurezza".

 

Oggetto: Saluto del ministro Lupi
Mi dispiace non poter essere presente all’inaugurazione del sistema iTunnel nella galleria Gran Sasso, ma impegni legati al mio ruolo mi trattengono a Roma, ho chiesto al viceministro Ricardi Nencini di rappresentarmi e di rappresentare il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a questo importante evento. Desidero tuttavia farvi giungere il mio saluto, a tutte le autorità presenti, ai responsabili dell’Autostrada dei Parchi e ai lavoratori, progettisti ed esecutori, che hanno realizzato questo innovativo sistema di sicurezza anti incendio. A tutti il mio grazie.
Abbiamo ancora vivo il ricordo di che cosa significhi in costi di vite umane e in costi in generale, un incendio in galleria, soprattutto nelle gallerie di grandi arterie di comunicazione come quella del Monte Bianco e del Frejus. Nel 1999 il rogo del Monte bianco provocò la morte di 39 persone e la chiusura del tunnel per tre anni; quello del Frejus, meno grave,  il 4 giugno 2005 causò la morte di due camionisti e la chiusura al traffico per due mesi.
Investire in sicurezza nelle nostre strade e autostrade è un impegno che ci siamo presi a livello europeo, ma soprattutto è un dovere che abbiamo nei confronti dei cittadini. Nell’ultimo decennio la mortalità sulle nostre strade è diminuita quasi del 50 per cento, dobbiamo proseguire in questa direzione perché 3653 vittime sulla strada sono ancora troppe. E’ dimostrato che il solo investimento in miglioramento della infrastruttura stradale contribuisca a diminuire di un altro 10-15 per cento questo numero.
ITunnel contribuisce significativamente a questo progetto e a questo impegno per la sicurezza: lo fa con una tecnologia innovativa, dimostratasi affidabile, precisa e veloce nell’intervento. Il fattore tempo in casi di incendi, sappiamo bene, è un fattore decisivo per superare l’emergenza. In questo senso, permettetemi  un paragone ardito. Quello che avete realizzato nella galleria del Gran Sasso è un po’ il simbolo di quello che cerchiamo di fare per il nostro Paese: portarlo fuori dall’emergenza. Anche in questo il fattore tempo è decisivo: dobbiamo cambiare il paese, innovarlo, e dobbiamo farlo subito. Dobbiamo andare orgogliosi dell’alta tecnologia e della grande professionalità di tante aziende che danno lustro all’Italia nel mondo e per le quali altri governi chiedono la presenza di nostre imprese nel loro Paese.
Grazie
Maurizio Lupi

Ministro Infrastrutture e trasporti

 

 

Video di presentazione iTunnel® Traforo del Gran Sasso
Dicembre 18, 2014
by Super User

 

Un drone antincendio a protezione della galleria del Gran Sasso
Dicembre 18, 2014
by Super User

L’AQUILA – Una galleria tutta abruzzese che diventa anche la più innovativa in materia di tecnologia della sicurezza. Stamani, alla presenza del vice ministro alle Infrastrutture e trasporti, Riccardo Nencini, e’ stato inaugurato e mostrato in movimento il drone i-Tunnel, un dispositivo automatizzato antincendio, una tecnologia italiana all’avanguardia nel mondo, progettato e costruito da G.S.A. (Gruppo servizi associati). La cerimonia si e’ tenuta all’interno del traforo della A24 Roma-L’Aquila-Teramo. [...]

Leggi tutto

Fonte: http://www.abruzzonotizie.com/

 

 

Drone antincendio nel traforo Gran Sasso
Dicembre 18, 2014
by Super User

Rende possibile intervento entro 2 minuti dall'allarme

Un dispositivo automatizzato antincendio, con acqua e schiuma estinguente, che interviene entro 2 minuti dall'allarme: è il prototipo del drone Itunnel, operativo nel traforo del Gran Sasso sull'A24 gestita da Strada dei Parchi. Con due carrelli mobili su un binario di 400 metri è installato sul soffitto nel tratto verso Roma, fra ingresso e uscita dei Laboratori Infn. La Gsa, società che ha brevettato l'impianto, mira a fornire il sistema di sicurezza alle gallerie d'Italia e d'Europa.


Fonte: http://www.piazzarossetti.it/

 

 

Sicurezza in autostrada: presentato il drone i-Tunnel
Dicembre 18, 2014
by Super User

Strada dei Parchi investe nelle nuove tecnologie della sicurezza e presenta nella galleria dell'A24 il nuovo dispositivo antincendio che scorre su un binario sospeso.

 

Presentazione iTunnel

 

La tecnologia italiana all'avanguardia nel mondo si presenta in Abruzzo, e precisamente all'Aquila, dove la galleria autostradale più lunga d’Italia diventa anche la più innovativa in materia di tecnologia della sicurezza. Questa mattina infatti è stato inaugurato e mostrato in movimento il drone I-Tunnel, un dispositivo automatizzato antincendio, una tecnologia italiana d’avanguardia, progettato e costruito da Gruppo Servizi Associati (Gsa), in grado di tenere sotto controllo attraverso un binario sospeso tutto ciò che accade negli undici chilometri di tunnel autostradale.

Fonte: il Centro

 

Strada dei Parchi Inaugura il drone antincendio nella Galleria del Gran Sasso d’Italia
Dicembre 18, 2014
by Super User

Roma – È stato inaugurato questa mattina, all’interno del Traforo del Gran Sasso d’Italia, il drone I-Tunnel, un dispositivo automatizzato di prevenzione e spegnimento incendi, potenziando in maniera sensibile l’efficienza per la sicurezza dei viaggiatori che quotidianamente transitano sul tratto autostradale A24-A25.
Continua...

Fonte: http://www.laziolive.net

 

 

TGR Rai: IL DRONE ANTINCENDIO
Dicembre 18, 2014
by Super User

Guarda il video sul sito Rai

Svolge da solo il lavoro si ben 32 vigili del fuoco. E’ in grado di spegnere un vasto e insidioso incendio in meno di due minuti. Con i suoi potenti sensori riesce a tenere sotto controllo la situazione in una determinata area a 360 gradi e 24 ore su 24. Si chiama i-Tunnel, è il nuovo drone antincendio, un prodigioso apparecchio progettato per la tecnologia di sicurezza. Un dispositivo di avanguardia sperimentato in questi giorni (ed è la prima volta in Italia) nel traforo del Gran Sasso. Dal Tgr dell’Abruzzo.

Fonte: www.rai.tv

 

 

ANSA: Drone antincendio in traforo Gran Sasso
Dicembre 18, 2014
by Super User

Drone antincendio in traforo Gran Sasso
Rende possibile intervento entro 2 minuti dall'allarme

(ANSA) - L'AQUILA, 17 DIC - Un dispositivo automatizzato antincendio, con acqua e schiuma estinguente, che interviene entro 2 minuti dall'allarme: è il prototipo del drone Itunnel, operativo nel traforo del Gran Sasso sull'A24 gestita da Strada dei Parchi. Con due carrelli mobili su un binario di 400 metri è installato sul soffitto nel tratto verso Roma, fra ingresso e uscita dei Laboratori Infn. La Gsa, società che ha brevettato l'impianto, mira a fornire il sistema di sicurezza alle gallerie d'Italia e d'Europa.

Fonte: http://www.ansa.it

 

 

Il drone iTunnel® in funzione nella galleria del Gran Sasso
Dicembre 17, 2014
by Super User

Immagini tratte da "IlCentro"

 

Sicurezza stradale: a traforo Gran Sasso primo drone antincendio
Dicembre 17, 2014
by Super User

(AGI) - L'Aquila, 17 dic. - La galleria piu' lunga ricadente interamente in territorio italiano diventa anche la piu' innovativa in materia di tecnologia della sicurezza. Stamani, alla presenza del vice ministro alle Infrastrutture e trasporti, Riccardo Nencini, e' stato inaugurato e mostrato in movimento il drone i-Tunnel, un dispositivo automatizzato antincendio, una tecnologia italiana all'avanguardia nel mondo, progettato e costruito da G.S.A. (Gruppo servizi associati). La cerimonia si e' tenuta all'interno del traforo della A24 Roma-L'Aquila-Teramo. Alla presentazione del progetto pilota presso il Laboratorio di Fisica nucleare oltre a Nencini intervengono Luciano D'Alfonso, presidente della Regione, Cesare Ramadori, amministratore delegato di Strada dei Parchi, Stefano Ragazzi direttore nazionale dei Lngs, Alessandro Pedone, azionista di riferimento della Gsa. Il nuovo dispositivo antincendio i-Tunnel andra' ad affiancare una squadra di emergenza in motocicletta gia' attiva sul tratto autostradale, ne potenziera' l'efficienza per l'incolumita' dei viaggiatori. Il traforo del Gran Sasso con i suoi 10,176 metri e' la galleria a doppia canna piu' lunga d'Europa e la 12esima nel mondo. L'Italia per le sue caratteristiche orografiche e' il paese europeo con la piu' alta concentrazione di gallerie. Sono 641 nella sola rete autostradale a pedaggio, secondo gli ultimi dati Aiscat del 2013. "I tunnel sono infrastrutture importanti che facilitano la comunicazione - ha ribadito Cesare Ramadori - svolgono un ruolo determinante per il funzionamento e lo sviluppo delle economie regionali. Gli incidenti nelle gallerie, in particolare gli incendi, possono pero' avere conseguenze drammatiche e risultare estremamente costosi in termini di vite umane innanzitutto, ma anche creare grandi disagi per l'aumento della congestione, causando picchi di inquinamento e pesando nei costi di gestione e riparazione". "L'attenzione per la sicurezza e gli investimenti in nuove tecnologie per Strada dei Parchi - ha sottolineato Ramadori - rappresentano una priorita' e un costante impegno. Puntiamo con continuita' alla ricerca e allo sviluppo di nuove soluzioni che rendano le nostre autostrade sempre piu' fruibili e sicure".
  "Sono entusiasta dell'avvio in uno scenario operativo di iTunnel, oggi comincia l'esperienza di una tecnologia assolutamente innovativa - ha aggiunto Alessandro Pedone, azionista Gsa - un appuntamento importante sia dal punto di vista della sicurezza infrastrutturale che da quello del sostegno dello sviluppo scientifico, che mettera' in ulteriore protezione la galleria di accesso ai Laboratori del Gran Sasso.
  Crediamo in questo progetto: da oltre tre anni e' impegnato un team composto da dirigenti e tecnici, con un investimento di start up complessivo di oltre due milioni e mezzo di euro di tecnologie, progettazione e lavori". (AGI) .

 

Fonte: www.agi.it

 

 

Rassegna stampa: Presentazione iTunnel®
Dicembre 17, 2014
by Super User

Messaggero Veneto 17.12.2014

Presentazione iTunnel, Messaggero Veneto

 

 

Comunicato stampa: Presentazione iTunnel® 17.12.2014 Gran Sasso
Dicembre 16, 2014
by Super User

Presentazione iTunnel® 17.12.2014 Gran Sasso

Gruppo Servizi Associati S.p.A. ed il Concessionario delle Autostrade Roma-L'Aquila-Teramo Strada dei Parchi S.p.A. inaugurano, il 17 dicembre alle ore 11:00, nel più lungo traforo autostradale italiano a doppia canna, la Galleria del Gran Sasso, il rivoluzionario sistema iTunnel, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi, dell'azionista di riferimento di G.S.A. Alessandro Pedone, dell'amministratore delegato di Strada dei Parchi S.p.A. Cesare Ramadori, del Presidente della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso e del direttore dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare del Gran Sasso Professor Stefano Ragazzi. Nell'occasione sarà illustrato al Ministro ed al parterre tecnico presente l'innovativo sistema.

Alessandro Pedone, azionista di riferimento di Gruppo Servizi Associati S.p.A., può chiudere il 2014 con un'accoppiata vincente di assoluto rilievo: l'installazione di iTunnel, nello scenario operativo del Traforo autostradale del Gran Sasso, arriva a pochi giorni di distanza dall'ingresso della G.S.A. S.p.A. nella piattaforma Elite di Borsa Italiana, l'incubatore delle 150 migliori aziende del Paese.
Riconoscimenti che certificano l'eccellenza raggiunta da Gruppo Servizi Associati, con oltre 50 milioni di euro fatturati nel 2014.

 
Gruppo Servizi Associati S.p.A. primeggia nel mercato della Safety con la capacità di operare costantemente in un'ottica di global service, dando sempre al cliente la garanzia di massimo livello qualitativo.

G.S.A. S.p.A. ha sviluppato la propria competenza nel settore della sicurezza attiva antincendio negli ambienti ad alto rischio, fino a diventare la realtà leader in Italia nel settore. Oltre a Strada dei Parchi S.p.A., a G.S.A. S.p.A. si sono affidati i gestori di infrastrutture di trasporto strategiche in Italia e in Europa: il Traforo del Monte Bianco, i Tunnel della Comunità urbana di Lione in Francia. Ed ancora, oltre sessanta ospedali italiani, i cantieri navali di Fincantieri, gli impianti estrattivi e di trasformazione di Exxon ed Eni, aeroporti minori ed eliporti in tutta la nazione.

Il sistema iTunnel, progettato, ideato e realizzato da G.S.A. S.p.A., con i metodi della Fire Safety Engineering, in collaborazione con il Centro Internazionale di Scienze Meccaniche di Udine, il dipartimento Costruzioni e Trasporti della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Padova e la Caccialanza S.p.A. di Milano, rappresenta il più moderno sistema per l'estinzione di fiamme in infrastrutture confinate ad elevato rischio d'incendio.

L'iTunnel è un sistema rivoluzionario perché combina il più affidabile dispositivo per lo spegnimento degli incendi, il monitore idroschiuma, caratterizzato da estrema potenza del getto, dall'assenza di tossicità e dall'elevato livello di sicurezza, con un innovativo carrello, telecomandato e montato su rotaia, in grado di raggiungere i 40 chilometri orari di velocità.
 
Il sistema è dotato di camere ad alta visibilità, di camere a infrarosso e di sensori che, in qualche secondo, sono in grado di rilevare la presenza di rischio: l'azione combinata dei dispositivi permette all'iTunnel di essere operativo sul luogo dell'emergenza in un tempo di risposta vicino allo zero. Il combinato di velocità, puntamento e capacità idrica rappresenta la migliore risposta alla necessità di sicurezza per le persone e gli utenti delle infrastrutture interessate.

Per il progetto iTunnel, l'investimento di Gruppo Servizi Associati S.p.A. sino ad oggi è stato di oltre due milioni e mezzo di euro per la realizzazione dei droni prototipo: il risultato è un dispositivo multifunzionale, efficace ed innovativo a cui affidare ad impatto zero e con costi contenuti la sicurezza di una galleria.

 

 

Presentazione iTunnel® Traforo del Gran Sasso
Dicembre 10, 2014
by Super User

Invito presentazione iTunnel Gran Sasso

 

 

GRUPPO SERVIZI ASSOCIATI S.p.A. AMMESSA AD ELITE DI BORSA ITALIANA
Novembre 04, 2014
by Super User

L’azionista di riferimento Alessandro Pedone: “È il riconoscimento della nostra crescita costante e coerente che si consolida negli anni. Ora abbiamo bisogno di confronto, nuove idee, evoluzione organizzativa, perché ci aspetta la sfida del mercato globale ”.

Milano, 04 novembre 2014, ore 10.00. Gruppo Servizi Associati S.p.A. è stata ammessa alla piattaforma Elite di Borsa Italiana, l’incubatore delle 150 migliori aziende del Paese che mostrano le potenzialità per imporsi come i futuri campioni nazionali dell’imprenditoria.
“G.S.A. ha intrapreso un ambizioso cammino di crescita” ha dichiarato Alessandro Pedone, azionista di riferimento della società a margine della presentazione delle 31 società ammesse ad Elite, tenutosi questa mattina a Palazzo Mezzanotte a Milano. “Gli obiettivi che ci siamo posti, e che fondano la nostra strategia di sviluppo, impongono un’ulteriore evoluzione. A sostenerla saranno precise politiche migliorative nel campo dell’organizzazione. Ma anche, e soprattutto, l’ampliamento dei nostri mercati, anche in chiave internazionale” ha sottolineato Pedone.
Gruppo Servizi Associati, azienda multiservizi con sede a Roma e Direzione Generale a Udine, nel corso della sua storia ha sostenuto una crescita coerente e costante: il bilancio 2013 di G.S.A. si è chiuso con un ulteriore incremento del fatturato del 5%, portandolo a oltre 40 milioni di euro, con un utile netto, post tasse, a 1,9 milioni di euro. Già nel primo trimestre del 2014, inoltre, G.S.A. ha già firmato nuovi contratti di appalto per oltre 50 milioni di euro, un ottimo auspicio per gli anni a venire . “Numeri – ha continuato Alessandro Pedone – assolutamente coerenti con la nostra storia: un percorso fatto sempre di crescita per linee interne, di investimenti mirati su risorse e tecnologie, su processi che, come nella nostra divisione Sorveglianza Antincendio e Safety, ci hanno portati a rappresentare i leader europei del settore”. Nel 2014, inoltre, G.S.A. si è sottoposta volontariamente alla certificazione di bilancio con Price Waterhouse Coopers (PWC).
L’articolazione dell’offerta di servizi di G.S.A. è organicamente suddivisa in tre divisioni di business: Safety, Facility Management, Sicurezza ed Accoglienza. Il segreto del successo di G.S.A. risiede nella capacità di operare costantemente in un’ottica di global service, con garanzia dei massimi livelli qualitativi. Per questo G.S.A. può vantare il primato in Italia nei servizi di sicurezza attiva antincendio in ambienti ad alto rischio: una posizione conquistata grazie ad un percorso di eccellenza che consente una progettazione tailored di risk management per ogni singola realtà che presenti rischio incendio. Fra queste occorre ricordare alcune importanti infrastrutture strategiche di trasporto gestite, come il Traforo del Monte Bianco, il Tunnel del Gran Sasso,  tutti i tunnel della Comunità Urbana di Lione in Francia. Ed ancora oltre sessanta grandi ospedali italiani, impianti industriali (fra questi quelli di Fincantieri) estrattivi e di trasformazione (Eni ed Exxon Petroli), eliporti e aeroporti minori, hub sanitari, basi HEMS 118, locali pubblici di grande affluenza.
Nel Facility Management G.S.A. è uno dei più importanti player nazionali con particolare specializzazione nel campo delle pulizie civili, industriali e sanitarie, nella gestione del verde e di impianti tecnologici in genere, manutenzione di edifici civili e industriali.
La divisione Security – Accoglienza invece propone le migliori soluzioni a quelle realtà (come università, uffici pubblici regionali e provinciali, terminal passeggeri) che necessitano di un servizio esternalizzato di accoglienza, reception, ricevimento, front–line, info point, sorveglianza, calla center, centralino, con l’impiego di risorse umane sempre in grado di offrire prestazioni efficienti e multidisciplinari.
In conclusione Alessandro Pedone ha voluto sottolineare la propria grande soddisfazione per l’ingresso nel gruppo delle 150 aziende negli anni ammesse alla piattaforma d’eccellenza di Borsa Italiana: “Per G.S.A. il possesso di tutti i requisiti per questo nuovo percorso, avvalora quanto di buono sin qui fatto, rilanciando. Elite sarà per noi un’agorà nella quale confrontarsi per diffondere ed acquisire nuove idee, un trampolino di accesso al mercato globale e un’accademia per preparare lo sviluppo interno, stimolando il cambiamento e condividendo strumenti per affrontare le sfide quotidiane proprie di un’azienda leader”.

A24, camion in fiamme all'ingresso della galleria San Rocco: intervento immediato della squadra antincendio G.S.A.
Settembre 22, 2014
by Super User

L'intervento immediato delle squadre antincendio G.S.A. a presidio delle gallerie dell'autostrada A24 ha scongiurato le pesanti conseguenze che sarebbero derivate dall'incendio di un autoarticolato che ha preso fuoco proprio all'imbocco della galleria San Rocco. In pochissimi minuti, grazie all'utilizzo dei cannoni ad acqua micronizzata, un brevetto di proprietà G.S.A., le fiamme sono state domate evitando così danni alle persone e qualsiasi ripercussione sul traffico. Nella rassegna stampa allegata il resoconto dei fatti.

Scarica gli articoli della rassegna stampa in formato pdf

Incendio all'Umberto I di Roma: grazie alle squadre antincendio, spento in meno di 5 minuti
Settembre 12, 2014
by Super User

Sono bastati meno di cinque minuti agli uomini della squadra addetti antincendio di G.S.A. posti a presidio della sicurezza dell'Ospedale Umberto I di Roma per dominare le fiamme che insidiavano il blocco operatorio della Clinica Chirurgica. Grazie al loro immediato intervento e alla professionalità della squadra, le fiamme sono state prontamente domate, mentre il personale sanitario faceva evacuare i pazienti: all'arrivo dei Vigili del Fuoco la situazione era già stabilizzata e così la squadra di G.S.A. ha potuto mettersi a loro disposizione per effettuare i sopralluoghi del caso e mettere in sicurezza la struttura. Il resoconto dei fatti nella rassegna stampa allegata.

Roma Today 12 Settembre

Scarica il pdf della rassegna stampa

Lyon Capiale
Settembre 09, 2014
by Super User

Gsa garantisce la sicurezza dei tunnel di Lione
Agosto 01, 2014
by Super User

TF1 Francia: “Dans les coulisses de la sécurité du Mont-Blanc”
Luglio 25, 2014
by Super User

Un lungo servizio dedicato dal più importante telegiornale della prima rete televisiva francese ai sistemi di sicurezza del Monte Bianco: protagonista GSA.

In Europa con un drone antincendio nei tunnel
Maggio 26, 2014
by Super User

La Repubblica - Affari&Finanza: "GSA un drone antincendio nei tunnel così il gruppo si espande in Europa"
La società friulana si è vista rinnovare l'appalto per la sorveglianza nel traforo del Monte Bianco.

L'innovazione sviluppata con l'Università di Padova, sarà testata a breve. di Andrea Frollà. Servizi e sviluppo tecnologico in proprio: è questa la formula che ha permesso a Gsa, Gruppo Servizi Associati di farsi strada nel comparto della sicurezza e della prevenzione antincendio, consolidandosi in un mercato relativamente nuovo, nato a metà degli anni Novanta con l'apertura ai privati dei servizi pubblici mediante gare d'appalto. 

 

Target a 50 Milioni
Maggio 10, 2014
by Super User

Guido Lorenzon - Milano Finanza. Specializzata nella sicurezza antincendio, la Gsa di Tavagnacco (UD) ha incrementato il fatturato 2013 del 4,5%, fino a 43,6 milioni, e l'utile del 68%. Mentre punta all'espansione all'estero. Sulla volta del tunnel autostradale del Gran Sasso scivola silenzioso a 50 chilometri orari il robot che porterà a zero i tempi di intervento contro il fuoco. Qui sono in funzione due prototipi in fase di sperimentazione, brevetto del Gruppo Servizi Associati, società al 96% di Alessandro Pedone con quartier generale a Tavagnacco in provincia di Udine.

 

Messaggero - Gsa, aumenta il fatturato
Aprile 29, 2014
by Super User

Messaggero veneto

Gsa un futuro roseo
Maggio 14, 2014
by Super User

Quotidiano di Udine

GRUPPO SERVIZI ASSOCIATI NEL 2013 FATTURATO A 43,6 MILIONI
Aprile 03, 2014
by Super User

GRUPPO SERVIZI ASSOCIATI NEL 2013 FATTURATO A 43,6 MILIONI E UTILE NETTO +67.71%: 1,9 MILIONI

L’azionista di riferimento Alessandro Pedone: “L’evidenza della nostra efficienza operativa e della maturità raggiunta dall’Azienda. Puntiamo a diventare la più performante società italiana del comparto”.

Udine, 05 maggio 2014, ore 10.00. “Da quasi vent’anni continuiamo ininterrottamente a crescere ed il 2013 si è chiuso con un ulteriore incremento del +4,5% del fatturato portandoci a 43,6 milioni di euro. Ciò che ci rassicura sulla qualità del lavoro svolto sono soprattutto i numeri del margine operativo lordo che cresce del +37.04%, con un utile netto a 1,9 milioni di euro, pari al +67.71% rispetto al già ottimo precedente esercizio. Abbiamo contenuto anche gli oneri finanziari allo 0,91%, seppur la P.A. rappresenti per noi il 65% del venduto”. L’ha dichiarato Alessandro Pedone, azionista di riferimento di Gruppo Servizi Associati S.p.A. anticipando i dati salienti del bilancio dell’azienda che ha sede a Roma e Direzione Generale a Tavagnacco - Udine.

“Da ricordare inoltre – ha continuato Alessandro Pedone – che nel primo trimestre del 2014 abbiamo già firmato nuovi contratti di appalto per 50 milioni di euro, un ottimo auspicio per gli anni a venire. Questi risultati sono l’evidenza dell’efficienza e della maturità imprenditoriale raggiunta da G.S.A., alle quali si affianca l’ottimizzazione dovuta alla crescita industriale del mio Gruppo”.

G.S.A. è un’azienda operante nel settore del global service e facility management, con una branch ad altissima specializzazione nel settore della sicurezza e prevenzione incendi, nel quale è leader a livello europeo: infatti oltre a gestire la safety per le più importanti realtà italiane, a ottobre 2013 ha vinto per la terza volta consecutiva l’appalto fino al 2019 per il servizio di sorveglianza antincendio e primo intervento nel tunnel del Monte Bianco, ove impegna sulle 24 ore e per 365 giorni l’anno, circa settanta addetti e mezzi ad alta specializzazione, garantendo la sicurezza internazionale dei trasporti in quello scenario strategico.

Come anticipato quindi, esattamente da diciotto anni consecutivi, G.S.A. continua a crescere, con risultati lusinghieri per lo sviluppo dei volumi, presentando soprattutto un incremento del margine operativo lordo abitualmente riscontrabile a questi livelli nell’export manifatturiero. Da sottolineare anche il dato fondamentale della patrimonializzazione di Gruppo che al 31.12.2013 supera i 6,2 milioni di euro.

“Continuiamo a crescere e a crescere bene - dichiara Enrico Dri, c.e.o. di G.S.A. – aumentando la redditività delle commesse: un risultato che otteniamo grazie alla capacità di selezionare dei contracts sempre a più alta specializzazione. Questo fa di noi oggi una boutique dei servizi, e da quest’anno il nostro bilancio è certificato da Price Waterhouse Coopers (PWC) ad ulteriore garanzia di affidabilità e trasparenza”.

Come conferma Alessandro Pedone: “G.S.A. è costantemente impegnata su attività ad alta professionalità, dove la concorrenza meno preparata spesso demorde: questo ci sta facendo diventare una delle realtà più performanti del mercato nazionale. L’acquisizione di nuovi contratti d’appalto per 50 milioni, già a portafoglio al 31 marzo 2014, con conseguente ritorno occupazionale che ha portato in G.S.A. solo in questa prima parte dell’anno 120 nuove risorse, conferma le nostre capacità e l’eccellenza della crescita delle tre divisioni del Gruppo: Safety, Facility Management e Security”.

La divisione safety continua ad essere trainante per G.S.A. che, dopo la riconferma di tutto il portafoglio clienti, ha anche recentemente segnato l’aggiudicazione per i prossimi anni di nuovi contratti per la sicurezza antincendio in alcuni dei più importanti nosocomi italiani: il Policlinico Gemelli, l’Ospedale Pertini, l’Ospedale San Carlo, l’IDI, l’Ospedale Vannini tutti di Roma, il Papa Giovanni XXIII di Bergamo, l’Azienda Ospedaliera di Pisa, l’Ospedale pediatrico Meyer e l’Azienda Ospedaliera Careggi di Firenze, l’Ospedale di Conegliano solo per citarne alcuni acquisiti nell’ultimo semestre.

Tra gli altri anche Fincantieri, Eni ed Exxon hanno oggi assegnato la propria sicurezza in più stabilimenti a G.S.A..

Anche le divisioni Facility Management e Security, con un comparto nazionale che segna il passo, continuano a crescere: infatti G.S.A. conferma tutto il proprio parco clienti ed acquisisce tra gli altri, nel primo bimestre 2014, il global service in tutti gli stabilimenti del gruppo Pasta Zara, di lsotta Fraschini, ma anche l’USL 9 di Treviso ed il Centro Internazionale di Ricerca Sincrotrone di Trieste.

“Ci siamo posti degli obiettivi impegnativi – conclude l’azionista di riferimento Alessandro Pedone – tra i quali c’è quello di divenire la più performante impresa italiana del comparto, crescendo sempre per sviluppo interno grazie alle nostre forze e non acquistando altre aziende. Per questo siamo inflessibili sulla qualità dei servizi erogati e soprattutto nell’impegno in ricerca e sviluppo di soluzioni sempre innovative. E ciò per ognuna delle divisioni nelle quali operiamo. Perché siamo convinti che il panorama italiano, con tutte le difficoltà che porta con sé l’attuale contesto socio economico, possa ancora riservare ampi margini di sviluppo e crescita d’impresa, e che siano altresì evidenti le potenzialità di grow-up anche sul mercato europeo, dove l’italianità è sempre vincente. Prevediamo di superare i 50 Milioni di volume d’affari già nel 2014 e di raggiungere i 100 entro il 2019”.

GSA IN CIFRE

  • Fatturato consolidato esercizio 2013: 43,6 milioni di euro
  • Crescita del fatturato sul 2012: + 4,5%
  • Margine Operativo Lordo: + 37.04%
  • Utile netto: 1,9 milioni di euro
  • Crescita utile netto: + 67.71%
  • Oneri finanziari: 0,91%
  • Nuove commesse a portafoglio al 31 marzo 2014 e per il prossimo triennio: 50 milioni di euro
  • Dipendenti: oltre 2.000
  • Previsione di fatturato esercizio 2014: 50 milioni di euro
  • Previsione fatturato esercizio 2019: 100 milioni di euro
  • Sedi: Roma, Tavagnacco-Udine, Aosta, Torino, Napoli, Bari, Chamonix (Francia).

 

 

Il rilancio di Udine sud nuovi market e negozi
Febbraio 13, 2014
by Super User

Rilancio Udine sud